Home Diocesi Mercoledì 8 Dicembre 2021
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
Centro Missionario Diocesano
Via Ferrari Bonini, 3 - 42121 Reggio Emilia
Tel. 0522/436840 Fax. 0522/433991 E-Mail missioni(@)cmdre.it
Notizie da Goma   versione testuale

20/11/2012

 

ciao a tutti.

Da domenica pomeriggio fino a ieri sera sono stata al pc con un occhio a Goma. Queste le novità della mattinata:

gli amici miei e dei miei amici stanno tutti bene, la paura è passata. Hanno passato le ultime 24 ore sdraiati per terra o sotto i letti perchè sparavano (spari che percepivo chiaramente anche al telefono ...). Ora tutto calmo, la città è completamente in mano del M23 ed hanno issato la bandiera del CNDP (quella di Nkunda, per intenderci, dei ribelli filorwandesi che avevano massacrato negli scorsi anni la zona di Masisi). Sembra si stiano accordando con i militari congolesi per una armata comune.

La gente ha ripreso ad uscire, lavorare, muoversi. Gli invasori sono corretti con la gente. Ieri sera si diceva che probabilmente i ribelli sarebbero stati molto gentili con la gente, si devono far accettare come i liberatori.

Non vanno battelli da Goma a Bukavu o viceversa.... non si sa se ci sono permessi o meno da passare da uno Stato all'altro (Goma si vive come un altro Stato al momento)

Qui sotto vi copio una lettera dei salesiani di Goma, che conosciamo.

 

C'è anche il loro c/corrente, tra pochi giorni ne avremo uno anche noi come Haki Tumaini e potremo raccogliere soldi anche per Goma - canale sicuro come quello dei salesiani.

TUTTAVIA NON VI CHIEDIAMO SOLDI MA IMPEGNO

 

La gente è stanca, disillusa, delusa, non vinta ma delusa da tutta questa faccenda, dalla Monusco (si parla di 8000 uomini della Monusco, ONU ) e dell'esercito che non sono riusciti (?) a fermare 2500 ribelli (pur ben appoggiati dal Rwanda, dati ufficiali dell'ONU). La gente di Goma, la gente semplice, che vuole vivere in pace, che non reagisce alla guerra con la guerra, che sa distinguere, anche tra i vicini del Rwanda e gli europei, la gente semplice come lei dai ladri di materie prime e farabutti vari.... la gente che non ammazzerebbe nessuno, i bambini (almeno metà della popolazione è molto giovane) sta soffrendo da troppo tempo. In Italia siamo tutti concentrati su Gaza, non che non ce ne sia bisogno.... a cui mi sento legata anche dalla mia amicizia con Vittorio Arrigoni, MA A GOMA E' STATA LA STESSA COSA E QUASI NULLA E' APPARSO .... e continuerà, perchè Goma è congolese e si opporrà ad un cambio di nazionalità.

Vi prego di girare questa news ai vostri amici, che almeno si sappia. Non vogliono denaro, elemosine... vogliono poter essere umani.

Donata

 

ps e se avete tempo guardate i link indicati dai salesiani....

 

 

 "Abbiamo passato una giornata tranquilla: ieri notte ci sono stati scontri a fuoco fin verso le 23, poi silenzio. Stamattina abbiamo saputo che i ribelli dell’M23 hanno occupato i quartieri Nord di Goma (tra i quali Ngangi), hanno circondato l’aeroporto e continuato ad avanzare verso ovest. Durante tutta la mattinata, ci sono stati tiri, sempre più lontani per noi. A mezzogiorno praticamente tutta la città era in mano ai ribelli. I soldati dell’esercito regolare si sono ripiegati verso Sake, a 30 km da Goma. La radio nazionale dice che preparano la riconquista della città e della regione. Se è così, la popolazione di Goma dovrà ancora soffrire molto.

 

Ci sono stati tanti morti tra i militari e anche tra i civili, uccisi da pallotole vaganti o da bombe fuori bersaglio. Speriamo che la saggezza dei dirigenti e la pressione internazionale impongano una soluzione pacifica che rispetti i diritti della gente e dei bambini. Oggi avremmo voluto celebrare la giornata commemorativa della Convenzione dei diritti dei bambini, avevamo previsto un bel programma per gli allievi della scuola: ci siamo accontentati di dare qualche biscotto nutritivo ai circa 5000 bambini rifugiati nel Centro Don Bosco.

 

A Ngangi, oggi è stata una giornata di attesa. I rifugiati si sono sistemati meglio nelle aule, le mucche – rifugiate anche loro – sono state portate al pascolo fuori. Data l’insicurezza in città, i camions delle ONG non hanno potuto portarci l’acqua, il cibo, i medicinali. Per fortuna, il pericolo del colera sembra ristretto a pochi casi. Nel pomeriggio, quando si è saputo che la città era interamente nelle mani dei ribelli, le famiglie dei dintorni che si erano rifugiate nel Centro per avere una più grande sicurezza sono ritornate a casa loro. Prevediamo che il movimento di ritorno potrà continuare ed allargarsi domani: pensiamo di dare, con l’aiuto del PAM (Progamma Alimentare Mondiale), un po’ di cibo per i primi giorni. Per i profughi che vengono da più lontano, speriamo che la Croce Rossa possa organizzare dei convogli di camion. Il Centro potrebbe svuotarsi in una settimana, per permettere ai 3300 allievi (dalla scuola materna alla scuola professionale) di ritrovare le loro aule e di riprendere i corsi interrotti.

 

Una coppia di volontari del VIS, Albino e Carmen, hanno realizzato un breve filmato e preso varie foto che danno un’idea di quelle che è capitato in questi ultimi giorni.

 

Potete scaricare le foto sul link https://www.dropbox.com/sh/cfrcm6z0q1bay24/9ADIClBa08, e il documentario sul link https://www.dropbox.com/s/e6g4vjoycdiefu5/Goma%2019%2711%272012.wmv.

Ci vorrà forse un po’ di pazienza, ma ne vale la pena.

Grazie a tutti voi che ci avete scritto, che ci sostenete con la preghiera e la solidarietà. I vostri messaggi ci fanno bene. Qualcuno mi ha chiesto che cosa può fare per aiutarci. Ho risposto: far girare l’informazione, per creare un movimento di opinione pubblica capace di far pressione su quelli che ci governano, perché facciano di tutto per mettere la parola fine alla guerra che in questa regione dura da quasi 20 anni."

 

Per un eventuale aiuto economico, si può passare attravero il VIS:

INTESTAZIONE CONTO: VIS

BANCA: BANCA POPOLARE ETICA IBAN: IT70 F050 1803 2000 0000 0520 000BIC/SWIFT: CCRTIT2184D

Causale: per i rifugiati di Ngangi-GOMA.

 

"Siamo senza elettricità, rispondiamo quando possiamo ai messaggi. Nel nostro dispensario è nato un altro bambino, il quarto in questi tre giorni. Viva la vita!

Grazie di nuovo, in comunione di missione e di preghiera."

Piero Gavioli






Condividi su: