Venerdì 6 Dicembre 2019
Versione Accessibile - solo Testo Mappa del sito Contatti
 Ufficio Pastorale Familiare » Archivio » APPROFONDIMENTI » 2005 - Lo ripeterai ai tuoi figli - Soravito 
2005 - Lo ripeterai ai tuoi figli - Soravito   versione testuale






 
Il ruolo della famiglia
nella comunicazione della fede
 
di Lucio Soravito
Introduzione
 
Una delle convinzioni espresse con più insistenza dal Magistero ecclesiale, dal Concilio Vaticano II a oggi, è quella riguardante l’identità e la missione della famiglia cristiana, fondata sul sacramento del matrimonio. Esso afferma ripetutamente che:
1) La famiglia cristiana, inserita nella Chiesa mediante il sacramento del matrimonio, ha una struttura e fisionomia interiore che la costituisce «cellula viva e vitale della Chiesa» (CeC 4). Essa è il luogo dove si "costruisce" la Chiesa; è «cellula» (in senso analogico) della comunità locale, grazie alla quale la comunità ecclesiale cresce come «famiglia di famiglie». Se le famiglie vengono meno, alla comunità locale vengono a mancare le sue cellule vitali.
2) La famiglia cristiana, in quanto "chiesa domestica", partecipa in modo proprio e originale alla missione evangelizzatrice della Chiesa: essa ha il compito di annunciare, celebrare e testimoniare l'amore, quale riflesso vivo e reale partecipazione dell'amore di Dio per l'umanità e dell'amore di Cristo per la sua Chiesa (cf. FC 17; ETC 30).
3) I coniu­gi non sono soltanto “l'oggetto della sollecitudine pastorale della Chiesa, ma ne sono anche il soggetto attivo e responsabile in una missione di salvezza che si compie con la loro parola, la loro azione, la loro vita" (CEI, Evange­lizza­zione e sacramento del matri­monio, 1975, n. 59); questo ministero di evangelizzazione è fondato sul sacramento del matrimonio.